L'editoriale di (h)ortus


fave.jpg
Dopo quasi vent’anni di assenza – trascorsi, forse colpevolmente, a indagare architetture in luoghi più distanti del pianeta – sono ritornato a Urbino, alla ricerca non soltanto delle opere di Giancarlo De Carlo (e di tutti gli illustri architetti che lo hanno preceduto nella città di Federico da Montefeltro) ma anche della possibilità di fare un personalissimo punto sullo stato dell’architettura. Avevo sentito parlare da più parti del pessimo stato di conservazione degli Continua...

La città della postproduzione

Questo libro raccoglie una serie di saggi sulla postproduzione intesa sia quale condizione che connota oggi i territori europei, sia quale atteggiamento progettuale – realizzare non è più sufficiente e non è più centrale servono interventi altri, altre sovrascritture. Come nella prassi cinematografica, raramente la presa diretta esaurisce il momento di formalizzazione di un film: è necessario applicare un complesso di operazioni quali il doppiaggio, il montaggio, il missaggio che seguono la fase delle riprese e precedono la commercializzazione.
Continua...

PDF

Il Teatro del Mondo edificio singolare

La Biennale di Venezia 1979-1980

Omaggio a Aldo Rossi
Ca’ Giustinian Venezia, Ca’ Giustinian, 10 febbraio – 31 luglio 2010
 

Vorrei notare che il Teatro del Mondo mi ha colpito nella sua vita; cioè per la sua formazione e per il suo stare nella città e rispetto allo spettacolo. Mentre ascoltavo la sera dell’apertura del teatro davanti alla Salute alcune musiche di Benedetto Marcello e vedevo
la gente fluire sulle scale e assieparsi all’interno sulle balconate, ho colto un effetto che avevo solo genericamente previsto. Stando il teatro sull’acqua si poteva vedere dalle finestre e fuori il passaggio dei vaporetti e delle navi come se si fosse stati su un’altra nave, e queste altre navi entravano nell’immagine del teatro costituendone la vera scena fissa e mobile.

Aldo Rossi
Da: Aldo Rossi, Autobiografia scientifica, 1981, Ed. Il Saggiatore

invito-online.jpgVenezia, 10 febbraio 2010 – “La Biennale di Venezia 1979-1980. Il Teatro del Mondo edificio singolare. Omaggio a Aldo Rossi”, è il titolo della Mostra che apre oggi al pubblico presso il Portego di Ca’ Giustinian - rinnovata sede della Biennale di Venezia presieduta da Paolo Baratta. La Mostra, curata da Maurizio Scaparro, sarà aperta fino al 31 luglio 2010.

A 30 anni dalla sua realizzazione viene proposta una rilettura del celebre progetto di Aldo Rossi per il Teatro del Mondo, edificio galleggiante ancorato alla Punta della Dogana, realizzato nel 1979 per i Settori Teatro (diretto da Maurizio Scaparro) e Architettura (diretto da Paolo Portoghesi) in occasione della mostra Venezia e lo spazio scenico. Utilizzato nel 1980 dal Settore Teatro per la prima edizione del Carnevale di Venezia, il Teatro del Mondo fu trasportato via mare nell’estate del 1980 al Festival Teatrale di Dubrovnik.
 
“Il progetto per il Teatro del Mondo – spiegava Aldo Rossi - si caratterizza da tre fatti, l’avere uno spazio usabile preciso anche se non precisato, il collocarsi come volume secondo la forma dei movimenti Veneziani, essere sull’acqua. Appare evidente come essere sull’acqua sia la sua caratteristica principale, una zattera, una barca: il limite o confine della costruzione di Venezia”.

Nell’ambito delle Attività Permanenti e dei Settori Arti Visive/Architettura, Teatro e ASAC (Archivio Storico delle Arti Contemporanee), la mostra consente la valorizzazione e fruizione da parte del pubblico dei materiali dell’ASAC, così come attuato nel 2009 con la mostra Macchine di visione. Futuristi alla Biennale realizzata negli stessi spazi. Si tratta della terza iniziativa organizzata nel Portego di Ca’ Giustinian (la seconda era sui Concorsi on-line della 53. Esposizione Internazionale di Arte) con cui La Biennale di Venezia apre le porte della sua sede storica nel cuore del centro storico di Venezia, e si presenta alla città e agli amanti della cultura con una serie di incontri che racconteranno la storia, la vita e le iniziative della Fondazione.

L’allestimento prevede materiali e riproduzioni di documenti provenienti dall’ASAC, dal MAXXI_Museo nazionale delle arti del XXI secolo e dalla Fondazione Aldo Rossi, dalla Biblioteca Nazionale Marciana, dal Museo Correr, dalle Teche RAI, e in particolare:
-    modello del Teatro del Mondo
-    sfera metallica originale di coronamento della copertura
-    struttura a riproduzione di un antico “mondo novo”, con immagini storiche
-    documenti grafici, manifesti, disegni, fotografie e video (estratti RAI)
-    corrispondenza dell’epoca e comunicati stampa
-    estratti dal documentario Venezia e lo spazio scenico (la Biennale di Venezia)
-    documentario Aldo Rossi. Il Teatro del Mondo a cura di Francesco Saverio Fera, regia di Dario Zanasi.

“Vorrei notare – spiegava Aldo Rossi nel 1981 - che il Teatro del Mondo mi ha colpito nella sua vita; cioè per la sua formazione e per il suo stare nella città e rispetto allo spettacolo. Mentre ascoltavo la sera dell'apertura del Teatro davanti alla Salute alcune musiche di Benedetto Marcello e vedevo la gente fluire sulle scale e assieparsi all'interno sulle balconate, ho colto un effetto che avevo solo genericamente previsto. Stando il Teatro sull'acqua si poteva vedere dalle finestre e fuori il passaggio dei vaporetti e delle navi come se si fosse stati su un'altra nave, e queste altre navi entravano nell'immagine del teatro costituendone la vera scena fissa e mobile.”

“E all’acqua, non solo a Venezia – scriveva ancora Aldo Rossi - le città affidavano compiti diversi. I barconi che scendono dal Ticino nella nebbia lombarda si trasformavano nelle barche del carnevale, le costruzioni sull’acqua segnano le incisioni delle città gotiche del nord. Proprio l’immagine di Venezia, sintesi di paesaggi gotici e nebbiosi e di inserti o trasposizioni orientali, ne fissa la capitale della città sull’acqua. E quindi dei possibili passaggi, non solo fisici o topografici, tra i due mondi. Anche il ponte di Rialto è un passaggio, un mercato, un teatro.
Queste analogie del luogo nel progettare un edificio hanno per me un’importanza decisiva, se ben lette sono già il progetto. Anche se si tratta di un edificio dal tempo prevedibilmente breve, esso è solo un capriccio veneziano”.

“Non so se e come questo teatro o teatrino veneziano sarà costruito – annotava l’architetto a proposito della sua realizzazione - ma esso crescerà nei miei e negli altri disegni perché ha come un carattere di necessità: la sua limitata capienza permette la possibilità di spettacoli diretti, di tipo vario e soprattutto con un luogo centrale della città.
La sua struttura non poteva che essere in legno e non certo solo per il tempo della costruzione, che il tempo è materiale solidissimo e forte nel tempo. Ma perché è legato all’architettura di questo teatro non in un senso funzionalistico, ma perché esprime questa architettura: le barche di legno, il legno nero delle gondole, le costruzioni marinare.
Infine il teatro, stabile o provvisorio era una grossa opera di carpenteria appena mascherata dagli ori e dagli stucchi. Queste sono le poche note su un mio progetto indipendenti dalla possibilità della sua costruzione e dal suo uso. Ma certamente non indipendenti da una costruzione veneziana, da un modo di progettare che cerca solo nel reale la fantasia”.

Il catalogo della Mostra contiene un testo introduttivo del Presidente della Biennale Paolo Baratta, del curatore della Mostra Maurizio Scaparro, alcuni scritti di Aldo Rossi sul Teatro del Mondo e la riproduzione a colori di una selezione di fotografie e immagini esposte.

La Biennale di Venezia mette a disposizione del pubblico delle visite guidate su prenotazione. Per info: www.labiennale.org, Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , tel. 041.5218828.

Per informazioni 
Ufficio stampa la Biennale di Venezia
Tel. 041.5218857/859
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
www.labiennale.org

Sono trascorsi 30 anni da quella Biennale del 1979 che presentò il Teatro del Mondo di Aldo Rossi. Presidente era Giuseppe Galasso, Direttore del Settore Architettura era Paolo Portoghesi. Il Teatro del Mondo è la più famosa tra le opere precarie del secolo scorso ed è rimasta nel ricordo di architetti, di uomini di teatro, di artisti, di quanti l’hanno vista o ne hanno sentito parlare.
Un’opera precaria è un gesto: un gesto di libertà, un gesto forse anche polemico, ma un gesto che conserva una sua viva attualità. Può essere stato polemico persino nei confronti della stessa città di Venezia, che aveva negato a grandi architetti moderni la possibilità di esprimersi in opere permanenti. È certo un gesto di attualità se ricordiamo la scorsa edizione della Mostra Internazionale di Architettura (curata da Aaron Betsky) che invocava segni di creatività, anche precari, per quelle realtà infinite ed impossibili rappresentate dalle immense periferie delle grandi città del mondo.
In quest’opera precaria era nascosto un piccolo teatro che Maurizio Scaparro fece luogo di incontro tra artisti di qualità. Mi ha ricordato Paolo Portoghesi che la mostra del ’79 era dedicata agli spazi scenici “quegli spazi che nei secoli passati venivano realizzati sulle acque della laguna in occasione di celebrazioni e grandi eventi”. Venezia ha sempre amato fare teatro sull’acqua: dal Bucintoro alle regate storiche, dai rondò decorati da colonne, statue e allori, agli spazi scenici chiamati per l’appunto “teatri del mondo”. Fu idea di Aldo Rossi quella di realizzare, quasi in contro misura, questo Teatro del Mondo che nella sua modernità differiva in quasi tutto dagli spazi scenici tradizionali: quelli erano bassi, questo era alto; quelli erano aperti, questo era chiuso… A 30 anni da quella data Maurizio Scaparro ha ripreso, raccolto e riordinato alcuni importanti documenti che provengono in parte dall’ASAC, in parte dalla Fondazione Aldo Rossi e dal MAXXI_Museo nazionale delle arti del XXI secolo, in parte dalle Teche RAI e da privati, che qui ringraziamo tutti. La mostra infatti è stata anche l’occasione per fare il punto sullo stato della documentazione intorno a quest’opera. Un’opera effimera non può essere rivissuta pienamente.
Rimangono le testimonianze di chi c’era, i disegni, le splendide fotografie sulla laguna che qui abbiamo raccolto, una riproduzione dell’edificio e la sfera di rame originale che stava sulla sua cuspide. Per godere la mostra occorre avere la stessa curiosità e la stessa immaginazione che ci animano quando andiamo a uno spettacolo teatrale. Questa mostra è il terzo degli appuntamenti programmati al Portego di Ca’ Giustinian. Un vivo ringraziamento a quanti vi hanno collaborato.

Paolo Baratta
Presidente della Biennale di Venezia

Non avrei proprio potuto immaginare che a trent’anni di distanza, oggi, avremmo ricordato la straordinaria avventura del Teatro del Mondo di Aldo Rossi, voluto da me e da Paolo Portoghesi negli anni ‘80, segno forte dell’interdisciplinarietà della Biennale. E forse non avrei potuto sperare che questo “oggetto singolare” per sua natura effimero potesse essere ricordato con questa mostra, a dimostrazione che, appunto, l’effimero non ha necessariamente vita breve, ma può rivivere nel ricordo, per le emozioni che ha saputo suscitare e trasmettere, e per sapersi collocare con vitalità nel presente tra passato e futuro (come il Teatro, del resto).
Ringrazio anche per questo la Biennale e la città di Venezia, in diverse occasioni amata casa mia, per aver stimolato la nascita di questo ricordo a pochi metri dalla Salute dove, proprio per il Carnevale del Teatro del 1980, si presentò ai veneziani e ai foresti. E per vedere o rivedere le tappe di un viaggio magico per mare del Teatro del Mondo da Venezia a Dubrovnik, con immagini che sorprenderanno quelli che non c’erano. Simbolo e stemma, ricordava Roberto De Monticelli, della Festa veneziana del Teatro, con il suo oscillare leggero che ogni tanto si avvertiva al suo interno e che era insieme, dei pensieri dentro e dell’acqua sotto.

Maurizio Scaparro
Curatore della Mostra

Recentemente ho progettato il teatrino scientifico come luogo della pura rappresentazione: un palco, delle scene prospettiche, degli oggetti scenografici. Questo teatro era indifferente alla sala, non creava uno spazio teatrale, come i teatrini dell’infanzia che si ponevano in una sala qualsiasi e dove architettonicamente si trattava solo di una sezione di un possibile edificio. Così le case, i palazzi, le chiese rimaste dimezzate dai bombardamenti aerei del dopoguerra nelle città d’Europa mostravano la vita pubblica o privata come uno spettacolo. Differentemente il progetto per il Teatro del Mondo o chiamiamolo per questo teatro veneziano si caratterizza da tre fatti, l’avere uno spazio usabile preciso anche se non precisato, il collocarsi come volume secondo la forma dei movimenti Veneziani, essere sull’acqua. Appare evidente come essere sull’acqua sia la sua caratteristica principale, una zattera, una barca: il limite o confine della costruzione di Venezia. E all’acqua, non solo a Venezia, le città affidavano compiti diversi. Le città orientali erano e sono contornate da questo mondo di barche. Proprio l’immagine di Venezia, sintesi di paesaggi gotici e nebbiosi e di inserti o trasposizioni orientali, ne fissa la capitale della città sull’acqua. E quindi dei possibili passaggi, non solo fisici o topografici, tra i due mondi. Anche il ponte di Rialto è un passaggio, un mercato, un teatro. Non so se e come questo teatro o teatrino veneziano sarà costruito ma esso crescerà nei miei e negli altri disegni perché ha come un carattere di necessità: la sua limitata capienza permette la possibilità di spettacoli diretti, di tipo vario e soprattutto con un luogo centrale della città. La sua struttura non poteva che essere in legno e non certo solo per il tempo della costruzione, che il legno è materiale solidissimo e forte nel tempo. Ma perché è legato all’architettura di questo teatro non in un senso funzionalistico, (anche e certamente), ma perché esprime questa architettura: le barche di legno, il legno nero delle gondole, le costruzioni marinare. Queste sono le poche note su un mio progetto indipendenti dalla possibilità della sua costruzione e dal suo uso. Ma certamente non indipendenti da una costruzione veneziana, da un modo di progettare che cerca solo nel reale la fantasia.

Aldo Rossi
Dal catalogo: “Venezia e lo Spazio Scenico”, Ed. La Biennale di Venezia, 1979

 

rossi.jpg
 
 
Hortus

Lo spessore della città

La ricerca Lo spessore della città prende corpo nel 2010 in occasione del secondo bando FIRB (Fondo per gli Investimenti della Ricerca di Base – Bando Futuro in Ricerca), pubblicato dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca. Il bando nelle sue tre edizioni (2008, 2010, 2012) è indirizzato a sostenere ricerche di base di giovani studiosi. La stesura del progetto nella sua prima versione è il tentativo di tradurre assunti teorici, costruiti su nuove necessità di dialogo tra architettura e città, in concreti strumenti operativi.  Continua...

Alter-azioni

Questo libro raccoglie una serie di saggi sull’alterazione, ovvero sul rapporto interpretazione e realtà, sostanzialmente sul come si possa aumentare la realtà oltre l’impiego di strumenti tecnologici. Con l’espressione “realtà aumentata” si vuole qui sostenere l’autonomia della visione, la sua non necessità di protesi da altri impostate, a favore di un potenziamento delegato alla sola teoria. L’obiettivo è aggiornare il binomio teoria-progetto, superare inutili dualismi, affermare la coincidenza dei due termini non solo sul piano dei contenuti ma anche su quello degli strumenti. Continua...

peperone_giallo_trasphortusbooks è un progetto editoriale che nasce dall’esperienza di (h)ortus - rivista di architettura. Raccogliere saggi e riflessioni di giovani studiosi dell’architettura, siano esse sul contemporaneo, sulla storia, la critica e la teoria, sul progetto o sugli innumerevoli altri temi che caratterizzano l’arte del costruire è la missione che vogliamo perseguire, per una condivisione seria e ragionata dei problemi che a noi tutti, oggi, stanno profondamente a cuore.

hortusbooks si propone come una collana agile, aperta ad una molteplicità di contributi nel campo dell'architettura. I volumi vengono pubblicati con tecnologia print on demand dalla casa editrice Nuova Cultura di Roma e possono essere acquistati on-line tramite i maggiori canali di diffusione.

Il paesaggio chiama

paesaggio_chiama_tIn tante città mediterranee e anche qui, nella magnifica cornice dello Stretto di Messina, l’attuale urbanesimo genera immense aree abitate che non sono più né urbane né rurali. Ci guardiamo attorno e nella banalità che ci circonda cerchiamo nuove gravità, proprio in questi luoghi destrutturati, perché è qui che possono e devono prendere forma i paesaggi del nostro tempo. L’importanza del paesaggio è sentita quasi sempre in termini solo difensivi, senza la consapevolezza della sua rilevanza sociale e economica, e di conseguenza senza un coinvolgimento culturale e politico delle comunità. Continua...

Valle Giulia Flickr

vg_flickr_11

Il gruppo Valle Giulia Flickr nasce tre anni fa dall’idea di uno studente di architettura con la passione della fotografia.
Da un piccolo gruppo di appassionati, accomunati dalla voglia di imparare l’arte fotografica e di utilizzarla come strumento per “parlare” di architettura, si è arrivati ad un gruppo che oggi conta più di 260 iscritti.
Lo spirito del gruppo è quello della condivisione come mezzo di conoscenza, sia in campo architettonico che fotografico, e i contest proposti danno l’occasione agli iscritti di confrontarsi su varie tematiche in campo architettonico e sociale. Continua...

Dal paesaggio al panorama, dal panorama al paesaggio

camiz_copertina_tUna mostra che presenti fotografie di paesaggi naturali, così come un osservatore li vede durante una gita, un'escursione, un viaggio, anziché una mostra semplice come si potrebbe credere (perché si potrebbe azzardare che un panorama è sempre bello), si presenta come una mostra piuttosto complessa. In effetti, è la fotografia del paesaggio naturale che è più complessa di quanto non sembri. Infatti, se appunto un ambiente naturale ci appare quasi sempre come bello, in particolare se incontaminato, una sua fotografia non è detto che lo sia. Continua...

Il Giardino dei Cedrati di Villa Pamphilij

cedratiDalla loro domesticazione le piante da frutto sono sempre state utilizzate come elementi costitutivi di diverse tipologie di giardini. In molti giardini storici, a  fronte di esempi virtuosi di conservazione di aree a frutteto o di singole piante da frutto, molto più spesso questi spazi coltivati sono andati perduti, gradualmente sacrificati ad altre priorità nei necessari restauri vegetazionali con perdita di risorse genetiche di valore, ma anche dell’identità dei luoghi. Lo studio di un’ipotesi di recupero del Giardino dei Cedrati in Villa Doria Pamphilj (Roma), oggi profondamente cambiato nella sua forma, struttura e funzione e in progressivo abbandono, rappresenta l’applicazione di un innovativo approccio metodologico, esempio di quella  integrazione di discipline necessaria per non prescindere dalla natura sistemica  di questo luogo. Continua...

Rassegna Italiana | 5 Temi 5 Progetti

Il complesso di risorse culturali, artistiche, ambientali, che sono proprie di un paese noi lo chiamiamo Patrimonio (ma anche l'insieme dei cromosomi che ogni individuo eredita dai propri ascendenti). Le Case sono le abitazioni dell'uomo e l'Esterno è ciò che sta fuori, che viene da fuori. Il termine Tecnologia è composto da arte e discorso, dove per arte si intende(va) il saper fare, in altri termini il progetto del saper fare. La Catastrofe indica i grandi sconvolgimenti provocati dalla natura o dall'uomo. Continua...

Joomla Templates by Joomlashack