L'editoriale di (h)ortus


fave.jpg
Dopo quasi vent’anni di assenza – trascorsi, forse colpevolmente, a indagare architetture in luoghi più distanti del pianeta – sono ritornato a Urbino, alla ricerca non soltanto delle opere di Giancarlo De Carlo (e di tutti gli illustri architetti che lo hanno preceduto nella città di Federico da Montefeltro) ma anche della possibilità di fare un personalissimo punto sullo stato dell’architettura. Avevo sentito parlare da più parti del pessimo stato di conservazione degli Continua...

La città della postproduzione

Questo libro raccoglie una serie di saggi sulla postproduzione intesa sia quale condizione che connota oggi i territori europei, sia quale atteggiamento progettuale – realizzare non è più sufficiente e non è più centrale servono interventi altri, altre sovrascritture. Come nella prassi cinematografica, raramente la presa diretta esaurisce il momento di formalizzazione di un film: è necessario applicare un complesso di operazioni quali il doppiaggio, il montaggio, il missaggio che seguono la fase delle riprese e precedono la commercializzazione.
Continua...

PDF

Futuro presente / Present continuous

The first international Festival that gives a voice to contemporary art: Faenza

May 23-25, 2008

Somewhere in the world, almost every day a new contemporary art biennial, festival or fair is being announced. In spite of their diversity in terms of context, scope, themes, and financial resources, all these initiatives share a common goal: to exhibit exciting contemporary art. What is missing, however, is a moment and a place to pause and to reflect on where contemporary art is heading, devoting all energies and attention to debating in depth on such multi-faceted aspects as audiences, big events, museums, art schools, markets, curatorial trends, collecting, artists´ positions, etcetera.
Faenza, a beautiful Italian town with a worldwide reputation in the design and manufacturing of ceramics, is willing to fill this gap, launching the International Festival of Contemporary Art Futuro Presente / Present Continuous, which will take place on May 23 - 25, 2008.  These three days will provide a global platform for curators, artists, scholars and professionals willing to investigate and understand the evolution of the contemporary art system in an epoch of turbulent change, burgeoning opportunities and unprecedented challenges.
The Festival offers a so far unique opportunity to listen to, and to discuss with, some of the outstanding personalities and opinion leaders in the field, in a situation where discussion takes the main stage, rather than being a side event to attend if there is spare time.
The scientific committee of the Festival includes Carlos Basualdo, curator of contemporary art at the Philadelphia Museum of Art and professor of history of exhibitions at the IUAV University Venice, Pier Luigi Sacco, professor of cultural economics at IUAV University Venice, scientific director of goodwill and of the strategic plan for the cultural district of Faenza, and Angela Vettese, professor of history of contemporary art at IUAV University Venice, and director of the City Gallery of Contemporary Art of Modena.
With its innovative format, Futuro Presente / Present Continuous will offer an intriguing mix of non-stop meetings, seminars, presentations, debates and workshops, in the context of a magnificent, lively Italian town renowned for its hospitality and its excellent food, and hosting a wealth of exciting side events in a variety of different fields such as music, performing arts, crafts, and so on.
Among the many speakers and participants who already confirmed their presence are Alexander Alberro, Iwona Blazwick, Achille Bonito Oliva, Germano Celant, Eduardo Cicelyn, TJ Demos, Danilo Eccher, Alberto Garutti, Massimiliano Gioni, Dan Graham, Udo Kittelmann, Vasif Kortun, Beral Madra, Gianfranco Maraniello, Gerald Matt, Viktor Misiano, Michelangelo Pistoletto, Marjetica Potrc, Nancy Spector, Robert Storr, Francesco Vezzoli, to name but a few.
The program will also offer previews of the programs of some of the most important institutions and events on the forthcoming calendar of contemporary art.  These range from the long-awaited travelling biennial exhibition, Manifesta, scheduled for the first time in Italy in 2008, to the new Whitechapel, which will open to the public in 2009, after an important extension plan, designed by the architects Robbrecht en Daem.
Special attention will be paid to the increasing interaction between the contemporary art world and the economy, from the development of markets to the growing role of contemporary art as a source of identity, innovation, and organizational involvement, and so on. These issues will be discussed by a selected forum of entrepreneurs explaining the meaning and motivation of their involvement, and investment, in contemporary art today.
Also the interactions between contemporary art and cultural and creative industries (fashion design, food design, product design, architecture) will be explored with the help of Flavio Albanese, director of Domus, Stefano Boeri, director of Abitare, Maria Luisa Frisa, professor of Fashion Studies at IUAV University Venice, Alexander von Vegesack, director of the Vitra Design Museum, and with world-renowned guests such as fashion designer Antonio Marras, chef Massimo Bottura, and
many more.

Promoted by
Municipality of Faenza - Moto d´idee - Faenza verso il distretto culturale evoluto - goodwill

With the patronage of
Commissione Europea - Presidenza del Consiglio dei Ministri - Ministero degli Affari Esteri- Ministero per i Beni e le Attività Culturali- Regione Emilia Romagna - Provincia di Ravenna - GAI - Giovani Artisti Italiani - Goethe Institute - Mailand

With the support of
Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Parc

Scientific committee
Carlos Basualdo, Pier Luigi Sacco, Angela Vettese

For further information:

Santa Nastro, press office
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
+393295794324
+39051220080
www.festivalartecontemporanea.it
www.good-will.it
 
Hortus

Lo spessore della città

La ricerca Lo spessore della città prende corpo nel 2010 in occasione del secondo bando FIRB (Fondo per gli Investimenti della Ricerca di Base – Bando Futuro in Ricerca), pubblicato dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca. Il bando nelle sue tre edizioni (2008, 2010, 2012) è indirizzato a sostenere ricerche di base di giovani studiosi. La stesura del progetto nella sua prima versione è il tentativo di tradurre assunti teorici, costruiti su nuove necessità di dialogo tra architettura e città, in concreti strumenti operativi.  Continua...

Alter-azioni

Questo libro raccoglie una serie di saggi sull’alterazione, ovvero sul rapporto interpretazione e realtà, sostanzialmente sul come si possa aumentare la realtà oltre l’impiego di strumenti tecnologici. Con l’espressione “realtà aumentata” si vuole qui sostenere l’autonomia della visione, la sua non necessità di protesi da altri impostate, a favore di un potenziamento delegato alla sola teoria. L’obiettivo è aggiornare il binomio teoria-progetto, superare inutili dualismi, affermare la coincidenza dei due termini non solo sul piano dei contenuti ma anche su quello degli strumenti. Continua...

peperone_giallo_trasphortusbooks è un progetto editoriale che nasce dall’esperienza di (h)ortus - rivista di architettura. Raccogliere saggi e riflessioni di giovani studiosi dell’architettura, siano esse sul contemporaneo, sulla storia, la critica e la teoria, sul progetto o sugli innumerevoli altri temi che caratterizzano l’arte del costruire è la missione che vogliamo perseguire, per una condivisione seria e ragionata dei problemi che a noi tutti, oggi, stanno profondamente a cuore.

hortusbooks si propone come una collana agile, aperta ad una molteplicità di contributi nel campo dell'architettura. I volumi vengono pubblicati con tecnologia print on demand dalla casa editrice Nuova Cultura di Roma e possono essere acquistati on-line tramite i maggiori canali di diffusione.

Il paesaggio chiama

paesaggio_chiama_tIn tante città mediterranee e anche qui, nella magnifica cornice dello Stretto di Messina, l’attuale urbanesimo genera immense aree abitate che non sono più né urbane né rurali. Ci guardiamo attorno e nella banalità che ci circonda cerchiamo nuove gravità, proprio in questi luoghi destrutturati, perché è qui che possono e devono prendere forma i paesaggi del nostro tempo. L’importanza del paesaggio è sentita quasi sempre in termini solo difensivi, senza la consapevolezza della sua rilevanza sociale e economica, e di conseguenza senza un coinvolgimento culturale e politico delle comunità. Continua...

Valle Giulia Flickr

vg_flickr_11

Il gruppo Valle Giulia Flickr nasce tre anni fa dall’idea di uno studente di architettura con la passione della fotografia.
Da un piccolo gruppo di appassionati, accomunati dalla voglia di imparare l’arte fotografica e di utilizzarla come strumento per “parlare” di architettura, si è arrivati ad un gruppo che oggi conta più di 260 iscritti.
Lo spirito del gruppo è quello della condivisione come mezzo di conoscenza, sia in campo architettonico che fotografico, e i contest proposti danno l’occasione agli iscritti di confrontarsi su varie tematiche in campo architettonico e sociale. Continua...

Dal paesaggio al panorama, dal panorama al paesaggio

camiz_copertina_tUna mostra che presenti fotografie di paesaggi naturali, così come un osservatore li vede durante una gita, un'escursione, un viaggio, anziché una mostra semplice come si potrebbe credere (perché si potrebbe azzardare che un panorama è sempre bello), si presenta come una mostra piuttosto complessa. In effetti, è la fotografia del paesaggio naturale che è più complessa di quanto non sembri. Infatti, se appunto un ambiente naturale ci appare quasi sempre come bello, in particolare se incontaminato, una sua fotografia non è detto che lo sia. Continua...

Il Giardino dei Cedrati di Villa Pamphilij

cedratiDalla loro domesticazione le piante da frutto sono sempre state utilizzate come elementi costitutivi di diverse tipologie di giardini. In molti giardini storici, a  fronte di esempi virtuosi di conservazione di aree a frutteto o di singole piante da frutto, molto più spesso questi spazi coltivati sono andati perduti, gradualmente sacrificati ad altre priorità nei necessari restauri vegetazionali con perdita di risorse genetiche di valore, ma anche dell’identità dei luoghi. Lo studio di un’ipotesi di recupero del Giardino dei Cedrati in Villa Doria Pamphilj (Roma), oggi profondamente cambiato nella sua forma, struttura e funzione e in progressivo abbandono, rappresenta l’applicazione di un innovativo approccio metodologico, esempio di quella  integrazione di discipline necessaria per non prescindere dalla natura sistemica  di questo luogo. Continua...

Rassegna Italiana | 5 Temi 5 Progetti

Il complesso di risorse culturali, artistiche, ambientali, che sono proprie di un paese noi lo chiamiamo Patrimonio (ma anche l'insieme dei cromosomi che ogni individuo eredita dai propri ascendenti). Le Case sono le abitazioni dell'uomo e l'Esterno è ciò che sta fuori, che viene da fuori. Il termine Tecnologia è composto da arte e discorso, dove per arte si intende(va) il saper fare, in altri termini il progetto del saper fare. La Catastrofe indica i grandi sconvolgimenti provocati dalla natura o dall'uomo. Continua...

Joomla Templates by Joomlashack