L'editoriale di (h)ortus


fave.jpg
Dopo quasi vent’anni di assenza – trascorsi, forse colpevolmente, a indagare architetture in luoghi più distanti del pianeta – sono ritornato a Urbino, alla ricerca non soltanto delle opere di Giancarlo De Carlo (e di tutti gli illustri architetti che lo hanno preceduto nella città di Federico da Montefeltro) ma anche della possibilità di fare un personalissimo punto sullo stato dell’architettura. Avevo sentito parlare da più parti del pessimo stato di conservazione degli Continua...

La città della postproduzione

Questo libro raccoglie una serie di saggi sulla postproduzione intesa sia quale condizione che connota oggi i territori europei, sia quale atteggiamento progettuale – realizzare non è più sufficiente e non è più centrale servono interventi altri, altre sovrascritture. Come nella prassi cinematografica, raramente la presa diretta esaurisce il momento di formalizzazione di un film: è necessario applicare un complesso di operazioni quali il doppiaggio, il montaggio, il missaggio che seguono la fase delle riprese e precedono la commercializzazione.
Continua...

PDF

Corpo e architettura. Aldo Rossi e Bernard Tschumi

Michele Costanzo

Testo base dell'intervento al convegno "I luoghi della performance", organizzato da InCorpoArti, tenutosi il 28 aprile 2007 presso il Teatro Aldo Rossi - Borgoricco (PD) 

incorporarti.jpg   

Aldo Rossi e Bernard Tschumi, sono due figure di intellettuali e progettisti, com'è noto, molto diverse tra loro, si potrebbe aggiungere: appartenenti a due mondi del tutto distanti. Tuttavia, nonostante la profonda divergenza della loro ricerca è riscontrabile un tratto comune, una sottile, tenue congiunzione, utile comunque ad istituire un possibile confronto. Tale sorta di impercettibile tramite è costituito dalla nozione di "presenza": una presenza fisica, corporea, che viene posta da entrambi in rapporto a quella assai più pesante, statica, densamente materica dell'architettura.

Nel caso di Rossi il concetto di "presenza" è riferito ad una singolarità (o ad una somma di singolarità di individui) e questo porta ad elaborare (in questo rapporto) una valenza di tipo intimistico. Non a caso il tema del corpo nei rispetti dell'architettura prende forma dall'osservazione delle cabine da spiaggia, Le cabine d'Elba (1973), un luogo all'interno del quale il corpo si spoglia.
La riflessione rossiana sul tema del denudamento prosegue, poi, in diverso senso, fino a raggiungere un altro luogo del discingimento, del disvelamento del sé più profondo, ossia dell'anima, rappresentato dalla cabina del confessionale.
Dopo questa prima osservazione che ritroviamo nella sua Autobiografia scientifica, il rapporto corpo-architettura prende due distinti indirizzi, ponendosi come dato dimensionale, che è quello da cui siamo partiti, e come luogo per un evento accidentale.
Nel primo caso egli prende in considerazione delle coppie dalla duplice e opposta entità scalare quali, minimo e massimo. Infatti, per controllare la dimensione massima, bisogna partire dalla dimensione minima del vivere, che racchiude in sé il nucleo fondamentale dei valori e la base della crescita dell'insieme quale, ad esempio, il villaggio.
Tale idea avrà un suo sviluppo, immediatamente dopo il suo saggio L'architettura della città (1966), con la serie di disegni denominati Impresions d'Afrique, «Le capanne-cabine erano quindi innumerevoli», scrive Rossi, «e questo mi ha fatto intravedere un tipo di città e di edificio [...] circondato da innumerevoli capanne» (1). A cui fa seguito, come diretto approdo progettuale, la Casa dello Studente di Chieti (1976).
Ritornando a Le cabine d'Elba, oltre al dato dimensionale esse presentano anche qualcosa del secondo aspetto del rapporto tra corpo e architettura, rappresentato dalla accidentalità dell'evento.
La visione delle cabine con le quattro pareti dipinte a fasce colorate, che si concludono con il timpano e la bandiera al vertice «[...] ci rende coscienti», egli osserva, «che all'interno vi deve essere una vicenda e che in qualche modo alla vicenda seguirà lo spettacolo. Come quindi separare la cabina da un altro suo senso: il teatro?» (2).
Architettura e teatro, secondo Rossi, sono legati da un comune sviluppo narrativo che ha «[...] il suo inizio, il suo svolgimento, la sua conclusione. Senza vicenda non vi è teatro e non vi è architettura» (3).
Da questa riflessione nasce il parallelo analogico tra teatro e architettura che, in questo modo, diventa «[...] il fondale possibile, il luogo, la costruzione misurabile e convertibile in misure e materiali concreti di un sentimento spesso inafferrabile» (4).
Lo sviluppo dell'idea d'architettura come "scena fissa della vicenda dell'uomo" porterà al progetto per il Teatrino scientifico (1978).
L'architettura come scena conduce ad una sorta di sua fissità, ed anche di attesa di cose che stanno per compiersi, come pure di infinite vicende da narrare.
L'oggetto architettonico, dunque, porta allo svolgimento di un evento che deve essere vissuto, ma si presenta anche come possibilità di suo compimento o memoria di altro.
Tale concetto di memoria, come è noto, assumerà sempre più in Rossi una posizione centrale nel suo fare progettuale, fino a raggiungere la dimensione di "accumulo di ricordi".
Seguono i progetti di alcuni teatri: il Teatro del Mondo, Venezia (1979); il Teatro-Faro, Toronto (1988); il Teatro Carlo Felice, Genova (1983).

Nel caso di Tschumi, la "presenza" non è mai un'entità singolare, ossia riferibile ad un solo individuo, ma plurima, collettiva, in quanto portatrice d'eventi che debbono integrarsi con lo spazio architettonico per formare un unico, serrato insieme. E tale presenza molteplice, com'egli afferma, è proprio ciò che dà valore, e senso all'architettura. Non c'è, dunque, architettura senza evento, senza azione, senza attività. In questo modo l'architettura risulta essere una combinazione priva di gerarchie, tra spazi, movimenti, eventi.
L'esperienza individuale/collettiva si configura, allora, come un insieme di azioni organizzate in modo libero, ma rese strategiche dall'architettura. L'apparente disordine deve essere letto, secondo Tschumi, come un genere di aggregazione che si sviluppa secondo un diverso concetto di struttura.
La ricerca dell'architetto inizia negli anni Settanta ed avrà due fasi distinte: una prima di tipo esclusivamente teorico, coincidente con il periodo insegna a Londra e poi a New York, e una seconda progettuale (pur continuando ad insegnare e a fare ricerca) che proseguirà fino al presente.
La fase teorica punta ad individuare un più idoneo criterio per determinare alcuni specifici  caratteri del processo creativo, impiegando differenti mezzi per registrare i possibili eventi nell'ambito di uno spazio configurato. Il tentativo è quello di riportare il dinamismo del movimento all'interno del processo configurativo dell'immagine architettonica.
In questo modo egli introduce il "frammento", nell'accezione freudiana di aspetto parziale, ma significativo della molteplicità di un processo.
Parte, così, da un'organizzazione di frammenti, porzioni di immagini tutte legate tra loro da un'idea di movimento.
In una prima fase si rivolge alla tecnica del montaggio cinematografico, in quanto individua in esso una forte analogia con la sua idea, che andava elaborando, di "montaggio architettonico". E' il caso del collage tratto da Sciopero di Sergej M. Ejzenstejn, in cui per portare in primo piano il tema dell'evento (in senso sia contenutistico, che emozionale), come afferma il regista russo, "[...] non c'è gerarchia né relazioni motivate fra i diversi elementi all'interno dell'inquadratura" (5).
Alcuni anni più tardi, quando si sarà stabilito a New York, lo sviluppo di tale ricerca darà origine alla serie di tavole intitolate Screenplays, raccolte poi nel volume The Manhattan Transcripts: una sequenza di foto di eventi, diagrammi di movimento e planimetrie che fanno riferimento, in maniera più o meno diretta, al cinema.
Un secondo contributo da considerare nella costruzione dell'impalcatura concettuale di Tschumi, che avrà un'influenza piuttosto determinante nella definizione delle tematiche di evento e movimento - come afferma lo stesso Tschumi - è quello derivato dalle idee situazioniste e da quelle provenienti dal movimento studentesco del Sessantotto. "Les évenéments, come allora si chiamavano non erano soltanto eventi rispetto all'azione, ma anche rispetto al pensiero" (6).
Ciò che intendeva promuovere il movimento dell'IS (Internationale Situationniste) era un uso più libero dell'ambiente urbano; e quest'idea era portata avanti mediante la creazione di eventi collettivi. L'intento era quello di scompaginare l'ordine spaziale su cui si riflette la società, per dare un senso radicalmente nuovo all'espressione culturale.
Si tratta, dunque di "progettare le condizioni piuttosto che condizionare il progetto". In questo modo l'architettura diventa essa stessa un "generatore d'eventi". E questo, vuol dire indirizzare i flussi d'energia prodotti dal movimento dei corpi rendendo lo spazio "luogo degli eventi" da cui trae forza per un processo continuo di movimento e rinnovamento.
In questo modo ciascun progetto si pone come una "piccola città" e la sua organizzazione assume un valore cruciale.
La fase progettuale/realizzativa ha inizio nel 1982 con la vittoria del concorso per il Parc de La Villette (1982-98), in tale occasione l'architetto inizia a dare forma in termini concreti alla sua ricerca teorica. Il sistema è basato su tre livelli sovrapposti definiti: punti, linee e superficie. Un suo sviluppo in senso spettacolare ed effimero sarà Fireworks.
Altri progetti da considerare: Le Fresnoy, Tourcing (1991-97), Lerner Hall Student Center, Columbia University, New York (1994-99), Museum for African Art, New York (2006-), Concert Hall and Exhibition Center, Rouen (1998-01), Concert Hall, Limoges (2003-07).

 

 

Note

(1) Aldo Rossi, Autobiografia scientifica, Pratiche, Parma 1990, p. 48.
(2) Ibidem, p. 50.
(3) Ibidem, p. 58.
(4) Ibidem, p. 36.
(5) Cit. in: Aldo Grasso, Sergej M. Ejzenstejn, La Nuova Italia, Firenze 1981, p. 65.
(6) Bernard Tschumi, Six Concepts, in: Id, Architecture and Disjunction, The MIT Press, Cambridge, Mass. 1996, pp. 255-256.

 

Autore Data pubblicazione Volume pubblicazione
COSTANZO Michele
2007-11-07 n. 2 Novembre 2007
 
Hortus

Lo spessore della città

La ricerca Lo spessore della città prende corpo nel 2010 in occasione del secondo bando FIRB (Fondo per gli Investimenti della Ricerca di Base – Bando Futuro in Ricerca), pubblicato dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca. Il bando nelle sue tre edizioni (2008, 2010, 2012) è indirizzato a sostenere ricerche di base di giovani studiosi. La stesura del progetto nella sua prima versione è il tentativo di tradurre assunti teorici, costruiti su nuove necessità di dialogo tra architettura e città, in concreti strumenti operativi.  Continua...

Alter-azioni

Questo libro raccoglie una serie di saggi sull’alterazione, ovvero sul rapporto interpretazione e realtà, sostanzialmente sul come si possa aumentare la realtà oltre l’impiego di strumenti tecnologici. Con l’espressione “realtà aumentata” si vuole qui sostenere l’autonomia della visione, la sua non necessità di protesi da altri impostate, a favore di un potenziamento delegato alla sola teoria. L’obiettivo è aggiornare il binomio teoria-progetto, superare inutili dualismi, affermare la coincidenza dei due termini non solo sul piano dei contenuti ma anche su quello degli strumenti. Continua...

peperone_giallo_trasphortusbooks è un progetto editoriale che nasce dall’esperienza di (h)ortus - rivista di architettura. Raccogliere saggi e riflessioni di giovani studiosi dell’architettura, siano esse sul contemporaneo, sulla storia, la critica e la teoria, sul progetto o sugli innumerevoli altri temi che caratterizzano l’arte del costruire è la missione che vogliamo perseguire, per una condivisione seria e ragionata dei problemi che a noi tutti, oggi, stanno profondamente a cuore.

hortusbooks si propone come una collana agile, aperta ad una molteplicità di contributi nel campo dell'architettura. I volumi vengono pubblicati con tecnologia print on demand dalla casa editrice Nuova Cultura di Roma e possono essere acquistati on-line tramite i maggiori canali di diffusione.

Il paesaggio chiama

paesaggio_chiama_tIn tante città mediterranee e anche qui, nella magnifica cornice dello Stretto di Messina, l’attuale urbanesimo genera immense aree abitate che non sono più né urbane né rurali. Ci guardiamo attorno e nella banalità che ci circonda cerchiamo nuove gravità, proprio in questi luoghi destrutturati, perché è qui che possono e devono prendere forma i paesaggi del nostro tempo. L’importanza del paesaggio è sentita quasi sempre in termini solo difensivi, senza la consapevolezza della sua rilevanza sociale e economica, e di conseguenza senza un coinvolgimento culturale e politico delle comunità. Continua...

Valle Giulia Flickr

vg_flickr_11

Il gruppo Valle Giulia Flickr nasce tre anni fa dall’idea di uno studente di architettura con la passione della fotografia.
Da un piccolo gruppo di appassionati, accomunati dalla voglia di imparare l’arte fotografica e di utilizzarla come strumento per “parlare” di architettura, si è arrivati ad un gruppo che oggi conta più di 260 iscritti.
Lo spirito del gruppo è quello della condivisione come mezzo di conoscenza, sia in campo architettonico che fotografico, e i contest proposti danno l’occasione agli iscritti di confrontarsi su varie tematiche in campo architettonico e sociale. Continua...

Dal paesaggio al panorama, dal panorama al paesaggio

camiz_copertina_tUna mostra che presenti fotografie di paesaggi naturali, così come un osservatore li vede durante una gita, un'escursione, un viaggio, anziché una mostra semplice come si potrebbe credere (perché si potrebbe azzardare che un panorama è sempre bello), si presenta come una mostra piuttosto complessa. In effetti, è la fotografia del paesaggio naturale che è più complessa di quanto non sembri. Infatti, se appunto un ambiente naturale ci appare quasi sempre come bello, in particolare se incontaminato, una sua fotografia non è detto che lo sia. Continua...

Il Giardino dei Cedrati di Villa Pamphilij

cedratiDalla loro domesticazione le piante da frutto sono sempre state utilizzate come elementi costitutivi di diverse tipologie di giardini. In molti giardini storici, a  fronte di esempi virtuosi di conservazione di aree a frutteto o di singole piante da frutto, molto più spesso questi spazi coltivati sono andati perduti, gradualmente sacrificati ad altre priorità nei necessari restauri vegetazionali con perdita di risorse genetiche di valore, ma anche dell’identità dei luoghi. Lo studio di un’ipotesi di recupero del Giardino dei Cedrati in Villa Doria Pamphilj (Roma), oggi profondamente cambiato nella sua forma, struttura e funzione e in progressivo abbandono, rappresenta l’applicazione di un innovativo approccio metodologico, esempio di quella  integrazione di discipline necessaria per non prescindere dalla natura sistemica  di questo luogo. Continua...

Rassegna Italiana | 5 Temi 5 Progetti

Il complesso di risorse culturali, artistiche, ambientali, che sono proprie di un paese noi lo chiamiamo Patrimonio (ma anche l'insieme dei cromosomi che ogni individuo eredita dai propri ascendenti). Le Case sono le abitazioni dell'uomo e l'Esterno è ciò che sta fuori, che viene da fuori. Il termine Tecnologia è composto da arte e discorso, dove per arte si intende(va) il saper fare, in altri termini il progetto del saper fare. La Catastrofe indica i grandi sconvolgimenti provocati dalla natura o dall'uomo. Continua...

Joomla Templates by Joomlashack